La nuova nata della casa gialla è sicuramente una macchina molto, molto interessante. Si posizione sopra la vecchia D90 per caratteristiche non legate al mero progresso tecnologico: il corpo macchina parzialmente in magnesio, la copertura del 100% del mirino, la doppia scheda SD, il riferimento per utilizzare appieno i vecchi obiettivi AI-S.

Più che il numero di megapixel o il sistema di messa a fuoco, o il miglioramento sui video, sui quali era facile prevedere una evoluzione dovuta ai progressi della tecnologia negli anni trascorsi dall’introduzione della D90 a oggi, questi punti, infatti, collocano la D7000 decisamente sopra alla D90.

Le caratteristiche globali della D7000 la pongono quindi, secondo il mio modesto parere, come un punto di arrivo nella dotazione di un fotografo non professionista: secondo me, infatti, solo un professionista può aver veramente bisogno di qualcosa di iù, perlomeno nel formato DX.

La D300s, infatti, in più rispetto alla D7000 ha “soltanto” un corpo più grande e robusto e più controlli facilmente impostabili senza contorsioni sui pulsanti/menù. Cose importanti, ma un amatore può farne tranquillamente a meno. Tanti infatti arrivano a dire che, probabilmente, l’evoluzione della D300 sarà fullframe, dividendo così nettamente il mercato consumer (DX) dal professionale (FX).

Io stesso, che provengo da una macchina “entry level” (la D60) che mi ha dato molte soddisfazioni, nel considerare un evoluzione del corredo guardavo sia alla D90 che alla D300s. La prima è sicuramente più pratica per un amatore: più piccola, più leggera, più facile da portare al collo mentre si è a passeggio con la famiglia.
Tuttavia le caratteristiche della D300s mi facevano gola; prima fra tutte, la capacità di usare appieno le ottiche AI-S, spesso reperibili sul mercato a prezzi interessanti. La perplessità era dovuta al maggior ingombro e al maggior peso.

La D7000 pertanto rappresenta esattamente la via di mezzo che un amatore poteva desiderare. Anche il prezzo, secondo molti alto, è secondo me giusto in questa fase. Un prezzo più basso avrebbe depresso le vendite delle ultime (?) D90; inoltre molti entusiasti comprerebbero questa nuova macchina anche a prezzi più elevati: prova ne sia che, su amazon, la D7000 è in testa alle classifiche di vendita nonostante sia ancora in fase di prevendita. E nonostante sia una macchina semipro, dal prezzo elevato.

Sicuramente il prezzo scenderà un po’ fra qualche mese: non potrà essere troppo alto per non andare ad erodere la fascia della D300s.
Sicuramente, sarà un grandissimo successo.